LE VIE DEL GIUBILEO

Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo

Ti trovi nell'itinerario: MILLE RELIGIONI A ROMA. DAL MONDO ANTICO A OGGI

588612_01 - Copia
Largo di Villa Peretti, 1
www.archeoroma.beniculturali.it
Tutti i giorni escluso il lunedì 9:00-19:45. La biglietteria chiude alle 19:00. Chiuso il 1 gennaio e il 25 dicembre. A pagamento.

469241_01 - Copia

Nella statua, che raffigura un giovane seduto su un seggio, con lunghi capelli ricci, vestito di tunica e mantello, con un rotolo nella mano sinistra, è stato riconosciuto il personaggio di Cristo, per la somiglianza con alcune rappresentazioni sui sarcofagi cristiani del IV secolo d.C.
La statua di Palazzo Massimo, databile all’epoca di Costantino, primo imperatore crtistiano o alla successiva età di Teodosio (379-395), sarebbe quindi la più antica rappresentazione a tutto tondo di Cristo docente. L’iconografia che richiama l’immagine tradizionale del filosofo fa supporre che la statua appartenesse a una rappresentazione di catechesi nell’ambito del consesso degli Apostoli.

588390_01 - Copia (2)

Al centro della cassa del sarcofago si distingue una figura di Orante (figura in atteggiamento di preghiera) a braccia aperte. Ai suoi lati si susseguono episodi del Nuovo Testamento che hanno come protagonisti Cristo e Pietro: a destra si riconoscono il miracolo della moltiplicazione dei pani, la guarigione del cieco, la negazione di Pietro, la resurrezione di Lazzaro; a sinistra sono raffigurati il miracolo delle nozze di Cana, l’arresto di Pietro e il miracolo della fonte, in cui Pietro fa sgorgare l’acqua nel carcere convertendo i suoi carcerieri.
L’iscrizione sul coperchio indica il defunto Claudiano, raffigurato nel busto a destra tra eroti e putti intenti alla mietitura e alla raccolta dell’uva. A sinistra sono invece rappresentate scene del Vecchio e del Nuovo Testamento: la consegna delle tavole della Legge a Mosè, il sacrificio di Isacco, la guarigione dell’emorroissa (donna che soffriva di perdite di sangue) e la natività di Cristo.
Gli episodi raffigurati nel sarcofago, datato all’epoca di Costantino, primo imperatore Cristiano, sono esempi paradigmatici di redenzione e di salvezza, ottenuti attraverso la fede e l’intervento della misericordia divina.

Come raggiungere la tappa: Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo

Via Giovanni Amendola, 2-10, 00185 Roma, Italy

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori