LE VIE DEL GIUBILEO

Musei Vaticani

Ti trovi nell'itinerario: L’EPOCA DEI GRANDI MAESTRI. ROMA E IL RINASCIMENTO

Musei Vaticani_1
Viale Vaticano
www.museivaticani.va
Tutti i giorni esclusa domenica 9:00-16:00. A pagamento.
Calendario 2016 con aperture straordinarie su www.vatican.va

L’appartamento privato di papa Alessandro VI Borgia, eletto nel 1492 e morto nel 1503, si sviluppa in parte all’interno della Torre Borgia, fatta erigere dallo stesso pontefice, e in parte all’interno del palazzo di Niccolò V. Le sei stanze di cui è costituito furono decorate tra la fine del 1492 e il 1495 da Pinturicchio e dai suoi collaboratori, anche se la cosiddetta Sala dei Pontefici venne ridipinta da Giovanni da Udine e Perin del Vaga ad inizio Cinquecento a causa delle pessime condizioni di conservazione in cui versava. Dopo la morte di Alessandro VI, l’appartamento venne infatti abbandonato dai suoi successori. Gli affreschi di Pinturicchio celebrano il pontefice spagnolo e la famiglia Borgia, in un ciclo ricco di dettagli e non privo sovrapposizioni tra cristianesimo e mitologia classica.

Foto Servizio Fotografico dei Musei Vaticani – ©Musei Vaticani

Abbandonato l’appartamento Borgia, Giulio II decise di far decorare quattro sale del piano superiore per utilizzarle come stanze private. Iniziate nel 1508 da Raffaello, furono completate dopo la morte del maestro dai suoi allievi nel 1524. Raffaello iniziò a dipingere nella stanza della Segnatura – la biblioteca di Giulio II – con la celeberrima Scuola d’Atene; passò poi nella Stanza di Eliodoro, dove nell’Incontro di Leone Magno e Attila troviamo già il ritratto del nuovo pontefice, Leone X, eletto nel marzo 1513. La stanza successiva, cosiddetta dell’Incendio, è l’ultima affrescata da Raffaello, insieme agli allievi. L’artista morì nell’aprile 1520, lasciando i disegni con cui Giulio Romano e Francesco Penni completeranno il quarto ambiente, il più grande: la Sala di Costantino.

Foto Servizio Fotografico dei Musei Vaticani – ©Musei Vaticani

Edificata tra 1475 e 1481 per papa Sisto IV, è una cappella dedicata alla Vergine Assunta. Sulle pareti laterali si conserva la decorazione originaria, completata entro il 1483 da un’equipe di artisti toscani e umbri (Perugino, Signorelli, Pinturicchio, Botticelli) con le Storie di Mosé e Scene della vita di Cristo, finti tendaggi nel registro inferiore e figure di pontefici tra le finestre. Le crepe aperte sulla volta a causa di problemi strutturali furono causa della sostituzione dell’originario cielo stellato con le Storie della Genesi, profeti, sibille e gli antenati di Cristo dipinti da Michelangelo tra 1508 e 1512. Lo stesso artista affrescò pochi anni dopo tra il 1536 e il 1541 lo straordinario Giudizio Universale sulla parete alle spalle dell’altare.

Foto Servizio Fotografico dei Musei Vaticani – ©Musei Vaticani

FIND YOUR ROUTE TO THE PLACE

Come raggiungere la tappa: Musei Vaticani

Viale Vaticano, Roma, Italy

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori