LE VIE DEL GIUBILEO

Palazzo Venezia

Ti trovi nell'itinerario: L’EPOCA DEI GRANDI MAESTRI. ROMA E IL RINASCIMENTO

Palazzo Venezia, esterno 2
Via del Plebiscito, 118
www.museopalazzovenezia.beniculturali.it
Tutti i giorni, escluso il lunedì 8:30-19:30. La biglietteria chiude sempre un’ora prima. A pagamento.

Palazzo Venezia, esterno 1

Il palazzo venne iniziato (1455-64) come residenza del veneziano Pietro Barbo, cardinale della basilica di San Marco, inglobata nell’edificio insieme alla torre della Biscia; un primo ampliamento del palazzo avvenne dopo l’elezione Papale del cardinale col nome di Paolo II (1464), mentre l’aspetto complessivo dell’edificio venne ultimato alla fine secolo. L’architetto è ignoto ma è evidente l’influsso dei principi di Leon Battista Alberti, che fanno dell’edificio il primo palazzo rinascimentale in stile toscano a Roma. Dopo le fasi iniziali divenne l’ambasciata romana della Serenissima Repubblica di Venezia (da qui il nome); passato agli austriaci nel 1797 e allo Stato italiano nel 1916, ospita oggi il Museo omonimo.

Palazzo Venezia, Sala Altoviti, volta

All’interno del Museo di Palazzo Venezia sono ricomposti gli affreschi della loggia di palazzo Altoviti. Banchiere di Papa Giulio III, il fiorentino Bindo Altoviti abitava un palazzo sulla riva del Tevere opposta a Castel Sant’Angelo; la costruzione degli argini del Tevere in muratura alla fine del ‘800 ne comportò la distruzione: furono però salvati gli affreschi, strappati dal soffitto e trasferiti su tela nel 1886. I dipinti erano stati realizzati nel 1553 da Giorgio Vasari che affrescò un Omaggio a Cerere, le Storie di Cerere e Trittolemo e un ciclo dei mesi, arricchito da personificazioni ed allegorie, ad illustrare le fortune della famiglia Altoviti.


Come raggiungere la tappa: Palazzo Venezia

Via del Plebiscito, 118, 00186 Roma, Italy

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori