LE VIE DEL GIUBILEO

Chiesa Evangelica Valdese

Ti trovi nell'itinerario: MILLE RELIGIONI A ROMA. DAL MONDO ANTICO A OGGI

Chiesa Valdese_1
Piazza Cavour, 32
www.chiesavaldesepiazzacavour.it
Visitabile solo su appuntamento, ma sempre visibile da Piazza Cavour. Una sosta di fronte alla sua significativa facciata è anzi il luogo adatto per conoscere qualcosa in più su questa Comunità.

La Comunità Valdese ha origini molto antiche e trova radice nel movimento religioso dei ‘Poveri di Lione’, che alla fine XII secolo predicavano il ritorno ad una chiesa umile e povera. Presenti in Italia già dal XIII secolo, specialmente in Piemonte, i Valdesi aderirono alla Riforma Protestante nel 1532.

A Roma, disponevano di un luogo di culto dal 1883, ma nel 1910 fu affidata all’ingegnere Emanuele Rutelli e all’architetto Paolo Bonci la costruzione di un nuovo tempio. Nel 1913 l’edificio fu completato, prima chiesa della Capitale con struttura portante in cemento armato, tecnologia all’avanguardia in quegli anni.
Lo stile vede una commistione di elementi neoromanici e Liberty. La facciata, scandita da due campanili con copertura a cupola, è conclusa, su ciascun lato, da un corpo cilindrico, quasi una torretta, che la raccorda agli edifici adiacenti. Il portale d’accesso è sormontato da una lunetta a mosaico con il simbolo dei Valdesi: una bibbia su cui poggia un candelabro, con candela accesa, circondato dalla scritta lux lucet in tenebris (la luce splende nelle tenebre). Sopra l’ingresso si sviluppa una loggia, e, ancora più in alto, spicca un rosone circolare.
L’interno, suddiviso in tre navate, è in stile Liberty, con affreschi dai colori vivaci e vetrate policrome dal linguaggio simbolico.
Nel 2015 Papa Francesco, a Torino, è stato il primo Pontefice a visitare un tempio valdese.

Come raggiungere la tappa: Chiesa Evangelica Valdese

Piazza Cavour, 32, 00193 Roma, Italia

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori