LE VIE DEL GIUBILEO

Catacombe dei Santi Marcellino e Pietro e Mausoleo di Sant’Elena

Ti trovi nell'itinerario: IN HOC SIGNO VINCES. COSTANTINO IMPERATORE CRISTIANO

IMG_5477
Via Casilina, 641

catacombe pietro e marcellino_2
www.santimarcellinoepietro.it
Sabato e domenica 9:00-16:00. Massimo 20 persone. Negli altri giorni della settimana solo su prenotazione. A pagamento.

Sorgono lungo la via Casilina e, con la loro superficie di 18.000 mq, sono tra le catacombe più grandi e rappresentative della Roma cristiana sotterranea. Si presume che solo nel III secolo in quest’area furono sepolte circa 15.000 persone, tra le quali Marcellino e Pietro, vittime delle persecuzioni di Diocleziano. Rispettivamente sacerdote ed esorcista, i martiri furono decapitati nel folto di una selva e i loro corpi trasportati qui da una pia matrona romana. Tra gli affreschi – una “grande quadreria” dell’arte figurativa catacombale dalle origini agli inizi del V secolo – spicca il Cubicolo delle stagioni: al centro della volta è rappresentato il Buon pastore tra oranti e raffigurazioni ispirate al ciclo di Giona, mentre sulle pareti vi sono le scene bibliche della moltiplicazione dei pani, di Giobbe, del miracolo della fonte e di Noè nell’arca.

Foto Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

Listener (8)
www.parrocchiassmarcellinoepietro.wordpress.com
Tutti i giorni 7:00-12:00 e 16:00-19:00. Ingresso libero.

Prima che diventasse possedimento di Elena, madre di Costantino, quest’area era utilizzata come necropoli dalla guardia personale dell’imperatore, gli Equites singulares e successivamente, vi furono realizzate le catacombe dei Santi Marcellino e Pietro, rispettivamente sacerdote ed esorcista, martiri sotto l’imperatore Diocleziano. Qui, intorno al 320, Costantino fece costruire il grande mausoleo della casata imperiale e, adiacente, una basilica intitolata ai due Santi.
Nel Seicento, all’interno del mausoleo in rovina, utilizzando i resti dell’antico luogo di culto, fu costruita una piccola chiesa loro dedicata, rinnovata nel secolo successivo e completata nella forma attuale nel 1922.

Foto Parrocchia Santi Marcellino e Pietro

mausoleo
www.santimarcellinoepietro.it
Visibile dall’esterno dal parco Villa de Sanctis: ottobre febbraio 7:00-18:00, marzo e settembre 7:00-20:00, aprile-agosto 7:00-21:00. Ingresso al parco libero.

Il mausoleo si trova nella località denominata “ad duas lauros” (presso i due allori), lungo la via Casilina, corrispondente al terzo miglio dell’antica via Labicana, in un terreno di proprietà della famiglia di Elena, madre di Costantino. Qui, l’imperatore fece costruire una Basilica dedicata ai Santi Marcellino e Pietro, sepolti nelle vicine catacombe, e il monumento funerario della casata imperiale, poi utilizzato per la sepoltura della madre. L’edificio, a pianta ottagonale, era detto “la torre delle pignatte” per la presenza di anfore (pignatte) inserite nella muratura della volta per alleggerirne il peso. La rotonda, dopo la traslazione delle reliquie della santa nella chiesa dell’Aracoeli presso il Campidoglio nel XII secolo, cadde in rovina e venne riutilizzata come fortezza e abitazione.

Come raggiungere la tappa: Catacombe dei Santi Marcellino e Pietro e Mausoleo di Sant’Elena

Via Casilina, 641, 00177 Roma, Italy

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori