LE VIE DEL GIUBILEO

Obelisco di Montecitorio

Ti trovi nell'itinerario: IL FASCINO DEL CLASSICO. GOETHE E CANOVA

rovine di obelisco egizio
Piazza di Montecitorio
Sempre visibile.

Il 3 settembre 1787 Goethe annota la sua passione per le antichità egiziane e racconta di essere andato più volte ad esaminare l’antico obelisco che all’epoca giaceva presso Piazza Montecitorio. Si tratta dell’obelisco che l’imperatore Augusto aveva fatto trasportare a Roma per innalzarlo in Campo Marzio come gnomone di una grande meridiana.
Mi sto occupando di nuovo delle cose egiziane. Sono stato varie volte ad osservare il grande obelisco, che giace ancora in pezzi, in un cortile in mezzo ad altri rottami. Era l’obelisco di Sesostri, innalzato in Roma in onore di Augusto e che serviva anche da indice per il grande orologio solare disegnato nel Campo di Marte. Questo che è il più antico ed il più bello di tanti monumenti giace in frammenti, e molti pezzi sono anche danneggiati, credo dal fuoco. E ciò non ostante le parti illese conservino una straordinaria freschezza di lavoro. Ho ordinato che mi si facciano i calchi di una sfinge, dei visi degli uomini, di altre sfingi e di uccelli. È necessario possedere questi tesori, tanto più che ho inteso dire che il Papa ha intenzione di farlo riattare e innalzare, ed allora sarà impossibile poter avvicinarsi più a quelle figure.
Goethe aveva ragione: nel 1793 Papa Pio VI lo fece restaurare e innalzare al centro della piazza che ancora domina.

Come raggiungere la tappa: Obelisco di Montecitorio

Piazza di Monte Citorio, 00186 Roma, Italy

Come arrivare

Geolocalizza la tua posizione o inserisci il tuo indirizzo di partenza

localizzazione
Unità di distanza
Avoid

Cerca le tappe vicino a te

Posizione GPS e raggio di ricerca sono obbligatori